lunes, 30 de noviembre de 2009

Cpu Atom presto nei nostri elettrodomestici (quarta e ultima parte)



Per la riproduzione video, una volta collegato il pc attraverso l’uscita HDMI ad un televisore Sony FullHD, si è automáticamente configurato il modo 1080p ed anche l’uscita audio si è adattata automáticamente al modo digitale per tornare alla normalità una volta inseriti gli altoparlanti analogici. Usando il software TotalMedia Theatre è possibile mediante la scheda Ion renderizzare i video a 720p sino a 1080 in diretta senza tempi morti. Un punto a sfavore è l’eccessivo tempo di latenza nella configurazione Aero di Windows forse più attribuibile alla scheda Ion che al Windows dato che su altre macchine con Atom 230 “classico” non ha mai dato problema visibili. Anche la schermata della bios ci è sembrata prolungarsi eccessivamente al primo avvio in modo inspiegabile.
La WiFi N permette di effettuare stream video in fullHD 1080p senza problemi: 600 megabits sono perfetti per collegarci senza fili a un ricevitore e non dover spostare il pc fino al salone anche se le dimensioni della carcassa lo fanno somigliare ad un disco fisso trasportabile, magari da 5 pollici. In alcune revisioni su siti inglesi hanno accusato la fonte di surriscaldarsi un pò troppo mentre nel nostro esemplare il problema sembra fortunatamente non sussistere.
Per gli “smanettoni” è interesante sapere che Ubuntu 9.10 in Virtualbox girando sotto Win7 ha tardato circa 1 ora ad installarsi ma funziona in tempo quasi reale. Anche Windows XP e Server 2003 su questo processore corre perfettamente (e sempre in emulazione) mentre Mac OS 10.5 installato in maniera nativa offre prestazioni di tutto rispetto: probabilmente superiori al Mac mini.

I costi:
La piastra madre con CPU dualCore 330 e scheda video Ion abbiamo detto che costa attualmente circa 160€ iva compresa al pubblico
La memoria DDR2 dual Channel con dissipatore circa 70€ per 4 gigabyte
Il disco da 500Gb circa 50€
Il DVD slim circa 35€
La casa Antec sui 60€
In totale circa 375€ sempre iva compresa.

Le opzioni sul mercato per un Media Center simile vanno in direzione del PopCornHour ma rimane pur sempre un sistema “monouso” a parte l’interessante caratteristica di scaricare i Torrent automáticamente. Ma se consideriamo il consumo di circa il 70% inferiore ad un “misero” pc ed un costo abbordabile ci sembra un ottima scelta sia come Media Center, sia come pc da ufficio/casa o “quasi” Thin Client per le aziende.
Certo, i giochi funzionano e molto bene ma scordiamoci Crisys a 1920x1080 a 30fps…….
(Grazie ancora a Toni Domenech che ha permesso la revisione e la pubblicazione sul sito…)

Sony Vaio UX con Core 2 Duo, 3G, SSD aumentata e molto di più…


(via Engadget)

Il Vaio UX è stato uno dei gadgets ultramoderni che promettevano l’oro e il moro ma dati i prezzi rimase alla coda dei dispositivi “da taschino). Sony lo abbandonò dopo poche apparizioni con James Bond e tutto questo non aiutò molto la sua evoluzione. Mac i sono affezionati che avendolo pagato assai caro non sono disposti ad arrendersi: il modder ANH di MicroPcTalk lo dimostra con questo mostro microscópico al quale è stata migliorata la SSD originale con una RunCore Pro IV da 128Gb, la CPU passa a Core2Duo (overclokkato a 1,438Ghz) e gli ha incluso un modem HSPA per i momento in cui non ha il WiFi a portata di mano.

E non è tutto: avvia con XP Pro, Vista Business, Windows 7 e Leopard 10.5.7 e secondo lui la batteria non ne risente.

Spero che i tecnici della Sony prendano nota per evitare future figuracce…

OS Xbox Pro: vecchia carcassa, nuove prestazioni


(via Engadget)

Quello dell’immagine è un “gingillo” che ci riporta al 2001/2002 ma dentro di sè un modder ha messo una tecnología senza precedenti:

Intel Core 2 Quad a 2,93Ghz

NVIDIA GeForce 9800GT

8GB Ram

16Gb SSD

Quattro HDD (uno con W7, uno con Ubuntu, uno con Apple OS X, ed uno che in realtà sono 2 in raid0 da 500Gb)

Secondo il creatore funciona benissimo come un MacPRO da 4500 dollari ma ne costa solo 1500$ e permette scegliere tra i maggiori sistema operativi.

Bella novità…..

Cpu Atom: presto nei nostri elettrodomestici (terza parte)




(Terza parte)

Per la prova abbiamo utilizzato un disco da 2,5 pollici Samsung da 500Giga e 5400rpm. Peccato non aver avuto a disposizione magari un Seagate Barracuda da 7200rpm ma in formato 2,5 pollici sono ancora abastanza costosi e difficili da reperire: forse quando potranno essere più diffusi e di basso costo saranno già competitivi i dischi SSD. Le memorie sono due Kingston DDR2 da 800 Mhz dual channel dotate di aletta di raffreddamento per aumentare velocità e stabilità riducendo il problema di surriscaldamento proprio dei case piccoli. A questo proposito abbiamo assemblato il tutto in un ottimo mobile della serie ISK di Antec, visibile nella prima foto in alto. L’assemblaggio occupa circa un ora di tempo dato che sulla scheda madre è sufficente inserire le ram e nient’altro. Scomoda la disposizione del connettore di alimentazione insieme al connettore della antenna WiFi che richiede abbastanza perizia nel montaggio sulla piastra serigrafata. Per portarlo a termine necessiteremo di pinze o chiave a tubo adatta. Per il resto sono necessarie le quattro viti di serie per fissare la piastra di dimensioni standard microITX. Con la piastra madre viene a corredo un miniventilatore che, opzionalmente può essere installato sopra il refrigeratore d’alluminio anche se la scelta è a discrezione dell’utente. Noi lo abbiamo installato comprobando che stranamente la temperatura è leggermente aumentata dentro il mobile nonostante i vari sistema di ventilazione forzata che accendendo la piastra ·all’aria aperta”. La cassa apporta un altro ventilatore da 5” molto silenzioso con regolatore a 3 velocità manuale. Zotac tra l’altro produce sistema mini completi senza ventilazione (seconda foto) ma adottanto típicamente cpu Aton 230 o 280 senza scheda video Ion quindi con problemi minori di surriscaldamento. In ogni caso la temperatura della cpu, secondo il programa HWMonitor, non ha mai oltrepassato i 48º e solo per pochi secondi in condizioni veramente estreme (riproduzione video a 1080p mentre si installa Ubuntu 9.10 in Virtualbox). Durante la sola riproduzione di un video in formato BluRai 1080p la cpu non ha mai superato il 15/18% nei picchi più alti. Il sistema operativo utilizzato è il Windows 7 Ultimate v. 7.600 a 32 bit che gestisce perfettamente la memoria riservandone dinámicamente 512-768 mega alla scheda Ion.

(continua nella quarta parte)

domingo, 29 de noviembre de 2009

Il successo del Nook (e del Sony) è incredibile: non saranno disponibili sino al 2010


(via Gizmologia)

La portata si riferisce al Nook ma vale anche per il Sony e-reader: risulta che alla metà di Novembre hanno avvisato di non avere più la possibilità di distribuire I rispettivi lettori sino al 2010, ovvero dopo le feste. Questo dimostra oltre ogni previsione l’interesse suscitato nei lettori da questa tecnologìa: inutile rimarcare I vantaggi di leggibilità e qualità della lettura, dimensioni, ecologìa che apportano questi apparati. Anche noi amiamo le librerie ma è anche vero che tutti amavamo I dischi in vinile ed in un principio eravamo scettici sulla qualità del digitale (Il vinile non arriva a 96Khz…). A questo punto passate le feste dovremmo vedere sempre più lettori nei mezzi pubblici o sulle panchine del parco.

Cpu Atom: prossimanente nei nostri elettrodomestici. Parte seconda



L’Atom, dicevamo, oggi è capace di offrire potenza e rendimento spettacolari se considerate le dimensioni e, soprattutto i consumi. Nelle foto in alto vediamo un esempio di placa base microITX che, periferiche a parte, stà sul palmo di una mano e la struttura della Cpu Ion di Nvidia che si incarica della gestione video, anche a 1080p, togliendo quasi totalmente questa incombenza al processore centrale. Non è da stupire dato che le pda che circolano attualmente posseggono un processore Snapdragon da ben 1Ghz…..

La tecnología CUDA, propia delle schede Ion, permette tra l’altro di riscalare i video sino a 1080p direttamente senza perdita di fotogrammi. Questo per dare un idea della potenza del tutto potendo affiancare un microsistema alla tv del salone, rientrando nelle dimensioni di un disco fisso portatile. In quanto alla portatilità e alla versatilità del sistema nell’ultima foto inferiore vi è un chiaro esempio di un pc Atom allestito nella carcassa di un amplificatore di autoradio, ottimo per tenere un completo centro multimedia e di navigazione nella propia auto a prezzi eccezionali.

Il consumo di un sistema completo di disco e DVD si aggira nell’ordine dei 90W, tanto eroga l’alimentatore a corredo come potenza massima. La scelta della Zotac ITX-A non è casuale: attualmente è l’unica scheda madre che riunisce le seguenti caratteristiche:

Cpu Atom-330 DualCore 1,66 Ghz

Piattaforma Ion nVidia

10 porte Usb 2.0

e-sata 3Gbps

Wifi B/G/N Atheros

Lan a 10/100/1000 Megabit

Supporta sino a 4Gb ram dual channel

Alimentazione esterna monotensione

Uscite video VGA, HDMI, DVI

Uscite audio 7.1, SPDIF, Ottica

Prezzo approssimato: circa 160€ iva compresa includendo CPU e video

Una mother board delle più complete, peccato l’unico slot microPcixpress sia occupato appunto dalla scheda WiFi B/G/N ma date le dimensioni era ovvio.

(continua nella terza parte)

sábado, 28 de noviembre de 2009

iMac Core i7 con problem: non arrivano neppure ad accendersi (nel migliore dei casi).


(via Engadget)

Dopo aver parlato di Atom e i9, torniamo (purtroppo) con I piedi sulla terra per parlare dell’i7, inteso non come processore ma come modello di Apple. Sembra che ci siamo grossi problem almeno per quanto riguarda la prima spedizione del prodotto. Immaginate il panorama: vi comprate un bellissimo (e costosissimo) Mac i7 fiammante, lo disimballate… primo problema: l’angolo inferiore sinistro del monitor rotto!!!! Se invece tutto va bene lo accendete e….sorpresa!!!! non sucede assolutamente niente (conosciuto anche come DOA, Dead on arrival). I fórum di Apple emettono veramente fumo da quando un ragazzo pubblicò il problema e arrivarono centinaia di risposte in poco tempo. Per il monitor rotto le possibilità vanno dal pessimo imballaggio al incuranza di un determinato trasporto ma sul fatto di non accendersi a Cupertino sono già saltati gli allarmi. Vi informeremo…..

Intel Core i9: si apre una breccia tra minipc e…pc.


(via Gizmologia)

Non è ancora del tutto normale vedere pc con Core i7 che Intel già parla dell’i9. Immaginatevi i risultati: l’i7 è potentissimo e gli Atom sempre più performanti stanno spopolando. Ora l’i9 sembra possa essere circa 50 volte superior all’anteriore generazione dato che alloggerà ben 6 nuclei da 2.8Ghz. Evidentemente necessiteranno solo per loro un aliemntatore da ben 130W ed avranno un prezzo elevatissimo ma dopo le prime vendite crollerà come sempre. Si parla di un’uscita a Gennaio 2010 (meno di 2 mesi). Tanta, tantissima potenza soprattutto per veri creativi e supergiocatori. E per gli altri? Un Atom, Intel obviamente sia un PC o un Mac…

viernes, 27 de noviembre de 2009

Cpu Atom: presto nei nostri elettrodomestici - parte 1



Un altro fenomeno del 2008/2009 è stato senza dubbi la Cpu Atom di Intel. Questo processore, ricordiamo, nacque quasi per caso da un "idea" di Asus: il miniportatile Eee. Circola la voce che qualche magazziniere di Asus alla fine del 2007 fece notare ad un incaricato quanti processori Celeron 900 fossero "avanzati" e da tirare in quanto obsoleti ed a qualcuno dei piani superiori venne la brillante idea di creare un microportatile, costo inferiore a 200$, TFT da 7", memoria 4Gb come disco fisso e microdistribuzione Linux. A che utente poteva interessare? A tutti evidentemente in quanto permetteva di portare sempre con se un portatile di dimensioni, peso ed autonomia da record, poter scrivere testi, navigare in rete e leggere/scrivere e-mails. Ovvero per la sopravvivenza. La storia più recente è oramai nota: con la crisi tutto il mercato si è convinto delle bontà di questa soluzione (un i7 da 3 e più giga a cosa mi serve se uso solo Word e Mozilla?) cambiando totalmente le nostre abitudini: ora il portatile è alla "portata" di tutti. Ovvio che Intel pensòe di migliorare la cosa e da lì nacque la Cpu Atom: microscopica, con consumi irrisori ma potentissima potendo offrire anche 5/6 ore di autonomìa a batterie. Passo successivo e attuale, l'incorporazione di un "Atom 3ª versione" ovvero dopo il 230 e il 270/280 siamo passati al 330 core2duo con 4 nuclei. Stesse dimensioni, quasi gli stessi consumi ed una potenza di calcolo impressionante. Il miglior esempio sul mercato è la scheda della foto: la Zotac ITX-A che, tra l'altro incorpora il chipset di nVidia Ion, arrivando a riprodurre video a 1080p con il minimo sforzo. Questa versione Desktop ce l'abbiamo tra le mani (grazie a Toni per la disponibilità) e l'abbiamo provata per una settimana circa. Vediamo pregi e difetti.
(continua nella seconda parte)

jueves, 26 de noviembre de 2009

Hackeano Mac OS X 10.6.2: ora risupporta Atom


(via Engadget)

Quando un pirata compie un azione “illegale” resta un pirata ma quando tutta una comunità viene “bloccata” allora si corre ai rimedi e l’azione si converte in uno standard. Poco è durato ad Apple l’allegrìa di chiudere i rubinetti all’Hackeraggio del loro MacOsX sulle piattaforme Atom: da poco il sistema 10.6.2 è stato risbloccato da un utente di InsanelyMac ed ha rimpiazzato il kernel con uno che gira perfettamente sui miniPc Atom Based.

Comunicazione di emergenza attraverso la rete di videogiochi.


(via Alt1040)


Al giorno d’oggi migliaia (o milioni?) di giovani e meno giovani passano il tempo “agganciati” ai videogiochi con particolare riferimento quelli in rete. Alcuni esempi sono Doom, Quake, Warcraft III, per non parlare di Playstation, Wii e Xbox. Ê un occasione d’oro quindi che stati come quello di New York approfitti di questi link per poterli usare, al momento del bisogno, con un progetto che si chiama Empire 2.0. In caso di allerta, attacchi o disastri naturali tutte le persone connesse riceverebbero un avviso di emergenza già che certi “personaggi” (come noi) passano più tempo davanti al pc/videogioco che alla tv, oramai superatissima.

Un aplauso alle istituzioni che finalmente cominciano ad accorgersi delle bontà della tecnología.

miércoles, 25 de noviembre de 2009

Casio EX-G1, la tuttoterreno più piccola.


(via Gizmologia)

Anche in aria Natalizia, poche le novità introdotte nella fotografía digitale ad eccezione del sistema 4/3, Ricoh e pochissimo sui fronti Canon/Nikon. Casio invece attacca il filone delle macchine “irrompibili”, terreno già navigato da Olympus e Pentax per le loro compatte, con un modello interesante che ricorda la vecchia línea G-Shock degli orologi: la EXG1. Questa microscópica camera conta con:

Zoom ottico 3x (non meglio specificato anche se sospettiamo partirà da un 34mm)

Sensore da 12.1 Mpixel

Spessore 20mm

Range di temperatura: -10ºC a + 50ºC

Sommergibile sino a 3 metri

Video: 848x480@30fps

Schede microSD/SDHC

Il prezzo di circa 300$Usa la rende un ottimo regalo per gli adolescente o per tutti coloro che vanno all’avventura con un “minimo” di fotocamera nel taschino

lunes, 23 de noviembre de 2009

Culiris (si scrive Cooliris...)


Questo piccolo, grande complemento per Mozilla (sino alla 3.5.5 ufficiale ma anche per Chrom dalla beta 4.0.1 in poi) è in grado di renderci la vita facile quando cerchiamo immagini nella rete. Installato il plugin e riavviato il navigatore, potremo fare una ricerca in Google ed alla prima immagine che esce premere i due riquadri nel bordo inferiore sinistro: apparirà una parete tridimensionale con tutte le immagini risultanti che potremo ingrandire, scorrere e salvare alla velocità della luce.
Gratis e raccomandatissimo....

NOVITÂ: Sony lancia ufficialmente in Brasile la PS2 a un prezzo esagerato 10 anni dopo!!!


(via Engadget)

Notiziona per chi ci legge dal Brasile: arriva la PS2!!! No, non la 3, quella forse la vedremo tra 10 anni. Sony si ricorda del paese del Maracanà e per il lancio ufficiale chiede soli 799 Reali (circa 310€ al cambio attuale). Sino ad oggi i giocatori Brasileñi ricorrevano a mezzi d’importazione più o meno leciti per possedere l’oggetto del desiderio ma oltre 9 anni dopo la compra di una PS2 è finalmente legale. Chissà perchè si è tardato varie ere informatiche a distribuirla in Brasile, un paese oltretutto molto ben informatizzato…..certo che il mondo è veramente mal ripartito….

Il miglior software gratis per PC in Ninite.com


(via Alt1040)

Ninite: il santo Gral dei possessori di pc. Incredibilmente utile nel nostro pc appena formattato ed alleggerito da tutta la porcherìa accumulata nel tempo. L’installazione in sè, anche con un moderno W7, dura circa una mezz’òretta ma Dover ricaricare tutti i programmi con le relative chiavi di licenza può oessere una vera tortura e durare ore ed ore. E allora, alla pagina di Ninite.com troveremo una lista dove selezionare i programmi che vogliamo utilizzare ed ogni giorno cresce di nuove applicazioni, tutte freeware e senza registrazione alcuna. Dopo che lo avrai scoperto passerai ore a chiederti che cosa ha fatto Microsoft durante tutto questo tempo.

Apple nella crociata antifumatori si copre di ridicolo e di azioni legali.


(via Engadget)

Si, Apple torna a dare nota di sè in una questione che, questa volta, nulla ha a che vedere con la informática. Risulta che alcuni utenti che hanno chiesto riparazioni in garanzia, si sono visti rifiutare la riparazione in quanto, essendo fumatori, gli apparati ne riportavano i “Segni”. Apple allega che gli apparati che vengono usati dai fumatiori sono “un rischio derivato dal fumo di seconda mano” ed aggiungono che i loro tecnici correrebbero un pericolo maneggiando prodotti tossici. Sinceramente, lasciando a parte la questione di essere fumatore oppure no, certe notizie non stupiscono più dato che i livelli oramai raggiunti dalla stupidità umana sono elevatissimi e molto noti. La questione grava severamente sulla reputazione di Apple per vari motivi: primo tra tutti è il fatto che nel contratto AppleCare non è riportato in nessun punto la possibile esclusione della garanzìa nel caso che il pc o l’apparato in questione sia esposto a uno o più fumatori. L’altra più alta questione è data dal fatto che molti governi, pur avendo regolamentato la possibilità o meno di fumare in certi ambient, non lo proibiscono specificamente in ambient informatici in generale e la vendita di sigarette, nocive o meno che le si voglia o debba considerare, è legalizata in quasi tutti i paesi del globo. Ora, a radice di queste piccole considerazioni, sembra che Apple stìa cercando un pretesto di, forse, non farsi carico dei propri doveri (copertura della garanzìa) sui propri prodotti o dobbiamo pensare a qualcosa di più occulto?

Ringraziamo vivamente quelli di Cuppertino per farsi carico dei nostri problema di salute ma credo che tanti anni all’ombra di Microsoft abbiano generato una serie di conseguenze preoccupanti.

Seguiremo gli strascichi legali per vedere dove finisce la cosa….ma una domanda che sorge spontanea è: se mandiamo a riparare un Apple che è stato esposto a sorgenti radioattive, se ne accorgeranno?

jueves, 19 de noviembre de 2009

Sony ha pietà dei loro primi clienti “e-books” e li aggiorna”


(via Gizmologia)

Non tutto è Kindle, Nook e Papyre in questo mondo. Uno dei primi lettori elettronici a essere distribuito nel mondo fù proprio di Sony: il PRS-500 limitato al formato BBeB. Ma ora tutto cambia: Sony offre un aggiornamento al formato “universale” ePub. Disgraziatamente non è aggiornabile dall’utente ma inviandolo a Sony, pagando solo il costo di invio, potremo dare una seconda vita al nostro eccellente lettore. Raccomandatissimo.

(ndr. ricordiamo che la tecnologìa e-ink è molto più duratura dell'LCD)

martes, 17 de noviembre de 2009

Cellulari


(via Microsiervos)

"Figliolo, a nessuno gli importa una merda tutto quello che può fare il tuo cellulare. Tù non lo hai inventato, lo hai comprato. Chiunque lo può fare..."

-Mr. Halpern di @shitmydadsays

lunes, 16 de noviembre de 2009

Le "vere" prestazioni di Windows 7 - Capitolo 1


Tanti benchmark possono essere interessanti per comparare le caratteristiche tecniche di vari prodotti tra loro ma, al momento dell'uso, l'utente medio solo necessita di una comprobazione: o il prodotto funziona o non funziona. Per questo (grazie a Oscar) ci siamo messi a caricare Windows 7, XP e Vista su pc di caratteristiche totalmente differenti tra di loro (Pentium Dual Core 3.8, Pentium D 2.8, Atom 230) ed abbiamo registrato i tempi di installazione e riproduzione di video.
Nel caso di Windows XP i problemi di lentitudine si riscontrano soprattutto nel realizzare una installazione nuova superando in alcuni casi una ora abbondante e nel caso della riproduzione video eccessivi rallentamenti dovuti all'eccessivo carico sulla cpu. Caso opposto quello di Windows 7 dove l'installazione è durata quasi sempre una mezz'ora scarsa e la riproduzione di un video a 720p ha "caricato" il processore circa un 5% nei Pentium tradizionali e circa un 20% nel caso dell'Atom con Intel 950. Vista, pur risultando abbastanza stabile ha "pesato" sul sistema tanto come XP all'ora di riprodurre i video ma, quello che più stupisce, sul sistema operativo senza nessun programma caricato.
Il salto a Windows 7 è stato tutto sommato, ottimo e ci stà facendo pensare che i "blue screen of death" saranno sempre meno, o almeno lo speriamo.

Mezzi di comunicazione


(Masqueleyes)

Navigando abbiamo trovato una piccola statistica (anche se sappiamo bene che valore hanno le statistiche) che può farci riflettere sull’andamento della gente rispetto ai mezzi di comunicazione. Questi i dati:

Uso di....

Tv 225,3 minuti giorno

Radio 85,6

Internet 45,4

Giornali 17,5

Riviste 2,5

La radio nonostante tutto resiste ma avranno valutato se si tratta di radio FM o di radio internet?

Giornali e riviste, si supone, saranno i minuti di lettura su carta stampata?

La TV sarà “vista” con método tradizionale o Media Center?

Poco importa…..ma se i nostri dubbi fossero fondati la media totale per persona sarebbe di 376,3 minuti al giorno di uso del pc!

domingo, 15 de noviembre de 2009

Cinque ragioni per leggere notizie su carta stampata.


(via Alt1040)

Ci sono ancora ragioni per leggere la carta stampata? Noi ne abbiamo tróvate cinque nonostante la carta sia statica, non si aggiorni automáticamente, crei rifiuti inorganici (inchiostri) eccetera.

- Ê sommamente accessibile: non c’è da imparare ad usare niente, nessun click, nessun accendi o spegni. Prendi il foglio e leggi considerando che (quasi) dovunque compri e leggi inmediatamente)

- Sottile e piegabile: nessun portatile o lettore (attualmente) permette essere piegato e riposto

- Non servono batterie tantomeno cariche

- Ê facile da compartiré: è curioso però è così. Forse non presterei a uno sconosciuto il mio lettore e-ink ma un giornale una volta letto lo passo ad altri per essere “riciclato”. Facile come lasciarlo sul sedile del metro. Per compartire un informazione, l’altro necesita lo stesso apparecchio, con il giornale semplicemente glielo passi ed è fatto.

- Il design non si erige in standard tecnici ma ideologici

Conoscete altre ragioni valide prima della fine della carta stampata? Noi crediamo che siano tutte valide anche se poco a poco scompariranno...

Kindle Publishing aperto a tutti I Blogs: una utilità che non ci convince per niente.


(via Alt1040)

Amazon ha aperto un servizio chiamato Kindle Publishing dove potremo tenere i nostri blog preferiti aggiornati nel Kindle per 1,99$ Usa mensili. Quello che è gratis in rete, Kindle lo vuol fatturare a tutti.

Come se non bastasse, è possibile accedere ai soli blog selezionati da Amazon e non a tutti quelli presenti in rete. Quello che stanno cercando di offrire è la possibilità di pubblicare il nostro Blog ricevendo a cambio una percentuale sulle entrate. Sia come sia si tratta di un operazione con poche possibilità di successo.

sábado, 14 de noviembre de 2009

Panasonic DMW-TA1: adattatore per cavalletto


(via DPReview)
Questo adattatore lanciato poco fà da Panasonic permette alle micro quattro terzi di essere installate su di un tripode con ottiche più pesanti come i:

LUMIX G VARIO 45-200mm/F4.0-5.6/MEGA O.I.S. (H-FS045200)

LUMIX G VARIO HD 14-140mm/F4.0-5.8 ASPH./MEGA O.I.S. (H-VS014140)


ioSafe 2Tb per foto, film e tutto quello che vorresti tenere al sicuro


(via Engadget)
La nuova versione di ioSafe viene con 2Tb di capacità ad un prezzo molto interessante: circa 400 $ Usa. Non apporta niente di specialmente nuovo essendo l'unica connessione presente una Usb 2.0 ma, ricordiamo, si tratta di un prodotto a prova di fuoco, acqua e altri tipi di disastri...

viernes, 13 de noviembre de 2009

Dove cadrà il Kindle...


Il Kindle, come l'iPhone ed altri prodotti tecnologici, ha un merito: quello di aver "lanciato" il prodotto alle masse . No, non hanno inventato il libro elettronico e neppure semplificato l'uso ma hanno pensato a quello che nessuno pensa: un modello di negozio. Per questo siamo grati ad amazon: per merito loro tutti sapremo familiarizzarci con il futuro della carta stampata senza dover essere per forza dei "geni" informatici. Ma tutto ha un inizio ed una fine e nel caso di Kindle la maggior parte dei passi sono stati accertati ma ce n'è uno che probabilmente segnerà presto o tardi, la caduta del Kindle: il DRM. Questo sistema di protezione, oramai lo sappiamo, non è troppo accertato: anche Apple, ferrea nelle condizioni e, nonostante questo, possiede eserciti di fedeli pronti a spendere quantità spropositate di denaro per farsi con uno del loro gadget, tolse il meccanismo di protezione per liberare la musica acquistata nei loro Apple Store (iTunes).
Altri problemi legati a questo sistema sono noti: leggete il Post su Wallmart......
Anche Sony tolse il DRM dal loro lettore, permettendo la lettura di qualunque testo ePub, considerato il nuovo (e definitivo?) standart di libro elettronico.
Ora Amazon per avvicinarci al loro prodotto ci propone in versione gratuita Kindle for PC, una maniera di leggere i loro libri sul nostro pc tanto per valutare le possibilità di questo invento. Ma per eseguire la prova dovremo comprare un libro che, in un futuro, potrà essere scaricato su di un Kindle, e niente più.
Toglieranno il DRM o venderanno solo sino a che si vedranno superati dalla concorrenza?

SmartPill cerca le ragioni della tua stitichezza (per fortuna, senza cavi in mezzo)


(via Engadget)

Questa noticia ci interessò molto l’anno scorso quando Philips lanciò il prototipo ed adesso possiamo finalmente constatare che l’idea è oramai una realtà. Questo pillolone dovrà essere ingerito dal paziente (sperando che non ne muoia soffocato) en ella sua circolazione sino al bagno registrerà temperatura, livelli di Ph, tempi di transito ed ovviamente immagini in diretto (dubitiamo che siano a 1080p) per far sì che il flusso del tuo Special K sia rápido ed esatto. A partire da Gennaio 2010 nei migliori ospedali.

Ricoh GXR potrebbe convertirsi in qualcosa di più oltre che una normale fotocamera


(via Xataka)

Abbiamo già espresso le nostre opinioni sul dubbio successo della pur eccellente idea di Ricoh nel dotare una fotocamera di ottiche intercambiabili con sensore e cpu integrati. Quello che probabilmente ne limiterà l’acquisto saranno i prezzi e l’attuale limitazione in ottiche o moduli disponibili. Ma osservando la foto potremo notare come, oltre alla fotografía intesa come hobby, ci sono altri campi dove questa macchina potrebbe trionfare. La possibilità di montare unità esterne potrebbe ampliare il campo d’azione con muduli GPS, stampanti, fibre ottiche, eccetera aprendosi un barco nella foto scientifica, militare, legale, etc….

Immagine della settimana: minicorso informatico in Alcampo


(via Zonagadget)

Alcampo è una famosissima catena di supermercati diffusa in tutta la spagna che, come quasi ogni catena, vende dai prodotti alimentari a quelli informatici e in tanta varietà di articoli non si può certo pretendere che l’attenzione al cliente sia eccellente in tutti i campi. Per questo qualche genio ha pensato bene di aiutare coloro che cercano un disco spiegando come seguire i criteri di scelta a seconda delle necessità.

Traduciamo:

Tipi – multimedia, connessione per vedere films, FORI, include commando a distanza A SOLO DATI

Dimensioni – 2,5 e 3,5 indica dimensioni del disco

Capacità- si misura in Megabyte (Mb). A più megabytes, più capacità 1000 megabytes (MG) = 1 gigabyte (GB) = 1 Terabyte (TB)

E non dimentichi:

Se è un disco multimedia controlli le connessioni del suo televisore

In informática non si finisce mai di apprendere. Un telecomando per i dati, un disco per vedere un foro e soprattutto che 1000 megabyte (milligrammo) è uguale a 1 Terabyte!

Intel Reader: e con i vecchi libri che facciamo?


(via Zonaebook.com)
Dall'amico Vainaimonen di Zonaebook ci giunge una notizia a dir poco interessantissima: un rivoluzionario lettore di Intel, sì, quella dei microprocessori.
Per capire l'importanza di questa innovazione dobbiamo pensare al fatto che il libro elettronico a parte la comodità di apportare tutti i vantaggi della portatilità e compattezza rispetto ai volumi stampati, permette a chi ha problemi visivi di cambiare le dimensioni dei caratteri per facilitare la lettura. Per chi soffre di detto problema, il vantaggio è enorme dato che un libro, a seconda dei caratteri usati in tipografìa, sarà illeggibile per molti. Intel è andata oltre: in un piccolo prodotto ha inserito una fotocamera, digitalizzatore ed un sofisticatissimo sistema di sintesi vocale che permette, attraverso la scansione manuale delle pagine di ingrandire il testo su video ma persino di leggerlo a voce sintetizzata con l'ulteriore vantaggio di "digitalizzare" tutta la biblioteca casalinga ed approfittare dei tanti volumi che possediamo.
Per capirne di più sul funzionamento vi raccomandiamo la visione del piccolo video al link:
o cliccando sul titolo.
Gracias Vainaimonen!

Ma Windows 7 QUANTO è superiore in rendimento?


(via Taringa!)
Effettivamente spesso si sente dire che tale computer è "meglio" di tal altro, ma è "meglio" quanto?
Nel caso di Windows 7 quelli di Taringa hanno preso un pc, Per la precisione un Pentium Dual Core (non meglio specificato), con scheda video nVidia 8400 Gs ed 1 Gb di Ram. Sullo stesso hanno caricato uno alla volta Windows 7, XP e Vista e su ognuno di loro hanno realizzato i benchmark che non lasciano spazio ai dubbi. In fatto di prestazioni risulta essere schiacciante anche rispetto a Windows XP. Noi stiamo installando una versione di 7 in un paio di macchine: presto sapremo come si comporta....

jueves, 12 de noviembre de 2009

HTC HD2 alias Leo: un mostro nel taschino


Da tempo fà parlare di se e finalmente è sbarcata nel vecchio continente. Stiamo parlando della Leo o HD2,una pda che noi definiremmo "un Pentium 4 nel taschino" date le doti di velocità dello Snapdragon a 1Ghz. Impressionanti le caratteristiche nei video di TodoPocketpc.
Il Link:

miércoles, 11 de noviembre de 2009

Crea un Hotspot e comparti internet in Windows 7 con Connectify


(via Windows7Noticias)

Connectify Beta è un programma eccezionale che, chissà perchè, apparve sul tavolo delle idée di Microsoft nel momento di sviluppare Win7 e poi è totalmente scomparso nella versione finale. Fortunatamente, anche se in versione Beta, è disponibile gratuitamente in Internet e l’uso è estremanente semplice ed utile. Permette di “duplicare” la nostra scheda di rete e, una volta collegati a Internet in modo Wifi con il método tradizionale permette al nostro pc di farlo diventare un router Wifi con tanto di chiave d’accesso (noi lo chiameremo “repeater”) ed altri dispositivi lo vedrenno come un normale Access point.

Il Link:

http://www.connectify.me/

Ah, funziona SOLO con Windows 7…….

MSI Wind BOX DE200 y DC200


(via Gizmotika)

All’Acer Aspire Revo e all’Asus EeeBox sono usciti altri competitori: uno interessantissimo è quello della gamma MSI Box in due sapori: DE200 e DC200. La differenza alloggia nelle cpu, rispettivamente Atom 230 e 330 doppio nucleo.

Vengono con Windows 7, Vga Intel GMA 950 o Ati Mobility Radeon HD4350, uscita HDMI e video a 1080p, Lan, WiFi N, 320Gb hdd, DVD rewriter. Con queste dimensioni sono perfetti per stare in salotto sotto la tv anche se per il momento, il EeeBox 1510 sembra insuperabile....

martes, 10 de noviembre de 2009

Boox in Europa: meglio tardi....


Da poco ci siamo accorti della presenza del tanto sperato Boox di Onyx quì in Europa. Ad un prezzo non troppo basso ma allineato con la concorrenza offre, tra l'altro:
- Display tattile
- WiFi
- I formati principali ( EPUB / PDF / HTML / TXT / CHM / MOBI / JPG / BMP / PNG / GIF / TIFF / MP3)
- 16 Toni di grigio
- 512Mb di memoria flash interna (espandibili)
Il prezzo è di 399€ in un grande e famoso magazzino che inizia per F e finisce in nac!
In questo momento per caratteristiche e versatilità si pone al vertice dell'offerta insieme a pochi altri....

Ricoh GXR arriva con il sensore intercambiabile




(via Xataka)

Il Micro quattro terzi è piaciuto a tutti e, chi non si è appuntato allo standard, stà cercando di trovare nuove strade per venderé l’innovazione. Ê il caso di Ricoh con questa nuova GXR che permette di intercambiare il sensore con l’ottica adeguata. Si caratterizza per un eccellente corpo in magnesio e la caratteristica di intercambiare l’ottica rápidamente insieme al sensore senza corre il rischio di sporcarlo. Questo invento conferma che ogni focale necesita un adattamento al piano della pellicola per evitare vignettature e distorsioni. La scoperta la fece Olympus intorno al 2002 ed, in effetti, non avevano tutti i torti ma la micro quattro terzi ci sembra il camino più lógico. Vedremo se quest’idea vende…

lunes, 9 de noviembre de 2009

Windows 7 vende più di Snow Leopard e Linux insieme!


Mai piaciute le statistiche, soprattutto dopo le dichiarazioni sul traffico che diagnosticarono un 90% tra i deceduti in incidenti erano pedoni mentre un 37% erano coloro che maneggiavano telefonini e gps! Forse per la polizia urbana il totale è il 137%!!!
Ma ci sono altri numeri che, pur arrotondati, sembrano essere molto interessanti. Ê il caso di Windows 7 del quale avevamo previsto nel 2008 che questo sarebbe stato il suo anno e non ci eravamo sbagliati per niente. Difatti, secondo Alt1040, le vendite dell'ultimo nato di Redmond sommerebbero più de sistema di Apple e Linux, quest'ultimo in tutte le versioni, messi assieme! Inoltre nelle 2 sole settimane di vendita ha raggiunto un 234% più di Vista nello stesso periodo pur tenendo una copertura del 19% dei prodotti Microsoft contro un 70% dell'XP.
Crediamo che Ballmer possa veramente saltare di gioia.......

Asus Eee Box 1501: sembra incredibile ma esiste!


(via NetbookReviews)
Nel post precedente ci lamentavamo di come certi dispositivi vengono venduti l'uno con una caratteristica molto interessante e l'altro con altre qualità ma nno ce ne sia nessuno che riassume il meglio dei due insieme. Non è certo il Caso dell'AsusEeeBox 1501, un "compatto" o "barebone" (come preferite chiamarlo) che unisce il meglio di due mondi: la potenza e il fattore forma compatto. Sul principio della NASA (sì, quella dei missili spaziali) che invece di usare un processore più potente ne usa due in parallelo provenienti dalla generazione anteriore, troviamo questo 1501 semplicemente geniale. La formula è semplice: se una Cpu Atom è abbastanza potente e non surriscalda troppo (oltre a consumare pochissimo), due in parallelo sono fenomenali. Se poi vengono unite ad una Gpu nVidia Ion e Windows 7 otterremo un prodotto eccellente per riprodurre video a 1080p (e immaginiamo per ritoccare foto e montare video casalinghi) in pochissimo spazio. Bando ai discorsi, vi raccomandiamo di seguire il link dove quelli di NetbookReviews lo hanno provato ad una fiera e, soprattutto, riprodurre il video a metà della pagina che, nonostante la bassa qualità, ci mostra che in alta definizione consuma solo il 14% della cpu...
Il link:
oppure clikkando sul titolo.

HD-XR: il nuovo streamer di ROKU e i problemi di chi compra uno streamer multimedia


(via Hyperdef)

Roku, un azienda che stà mogliorando i già di per sè ottimi streamer video di Asus e di Western Digital, ha appena lanciato l’ultimo modello, il HD-XR della foto, che permette la connessione a reti N, indispensabili per streaming wifi a 720 e 1080p, nonchè la possibilità dello streaming attraverso Internet di servizi a pagamento come Netflix o Amazon Video on Demand. Interessante il prezzo di 129.99$ Usa ma ci sorgono dubbi seri sul futuro di questi prodotti poichè in comercio quasi tutte le combinazioni sono le seguenti:

- Quasi tutti riproducono ma non registrano

- Quelli che registrano lo fanno in maggioranza attraverso la connessione diretta

- Pochissimi posseggono sintonizzatore interno per essere autonomi

- Quelli di cui sopra hanno una presa di rete che non sopporta l’FTP (non lo possiamo vedere dal nostro pc)

- Molti lavorano sotto i 720p non accettando files di oltre 4Gb (disco in Fat32)

Ci sembra che le case proporzionino in questo settore le innovazioni una alla volta per allungare l’offerta. Non sarebbe impossibile riunire tutte le caratteristiche in un solo streamer dato che Verbatim c’è andata molto vicina ma il firmware “blocca” inspiegabilmente la presa LAN in entrata……..

TATTOO: il sistema Beta Testers di RED per la Epic-X



(via Hyperdef)


Quelli di Red sono veramente persone incredibili. Hanno appena annunciato la fase di prova della fotocamera ad alta definizione EPIC-X e Scarlet La prima sotto il nome TATTOO sarà disponibile in breve. Certo, non sono prodotti per tutte le tasche ma coloro che sono interessati profesionalmente ad una qualità da broadcasting avranno l’accesso a questo mondo per soli 28.000$ Usa e quando diciamo “acceso per soli 28.000$” ci riferiamo a:

Totalmente modulare
Sensore MYSTERIUM-X da 5K di risoluzione
ISO 200-8000
Registrazione in Time-lapse
Nuovo FLUT
Sistema remote REDMOTE
Lenti intercambiabili (RED, Canon e Nikon)
Rete Gigabit e 802.11 (supponiamo N)
Registrazione in CF, 1.8” SSD, RED Drives e RED RAM

Parallelamente hanno aggiornato le caratteristiche della nota Scarlet che ora registra a 1080p@60fps con connessione Gigabit e TFT Tattile. Un mostro a prezzi poco più che correnti.

Sony apre la porta a scrittori indipendenti


(via Engadget)

Dicono che per avere una vita piena bisogna avere un figlio, piantare un albero e scrivere un libro. Da oggi l’ultima delle tre ti risulterà più facile con Sony che arriba a un accordo con Smashwords e autor Solutions offrendo a scrittori non professionali la possibilità di includere le proprie opere nel proprio negozio di libri elettronici.

Se vuoi compartiré le tue incredibili esperienze con il resto dei mortali, accedi al sony Publisher portal e ricordati di noi quando prenderai il Nobel!!!